Comunicato stampa relativo alla filtrazione a membrana HUBER VRM®

Le rigorose direttive sulle acque di scarico, la rapida crescita della popolazione e le difficoltà nell’approvvigionamento idrico, fanno sì che il mercato dei bioreattori a membrana (MBR) cresca sempre più rapidamente. In particolare nelle aree urbane, il processo di trattamento a membrana acquista un'importanza crescente, con la possibilità di riutilizzare le acque.

Il sistema di filtrazione a membrana rotante VRM® dell'azienda costruttrice di macchine Huber SE di Berching (Germania) viene impiegato con successo nei processi MBR comunali e industriali.

In stretta collaborazione con il produttore di moduli a membrana di Wiesbaden MICRODYN-NADIR, il prodotto HUBER VRM® è stato sottoposto ad una riprogettazione di base. L'obiettivo era di riunire i numerosi vantaggi del sistema a membrana rotante con i pregi particolari della pluritestata tecnologia modulare BIO-CEL®.

I vantaggi decisivi in questo caso sono le portate estremamente elevate (fino a 300 m³/h) e soprattutto l’elevata efficienza energetica dovuta all’efficace pulizia della membrana (< 150 l/m²h di aria di lavaggio). Allo stesso tempo i moduli BIO-CEL® sono contraddistinti da una lunga durata di vita, minimi costi per la pulizia e garantiscono, essendo membrane di ultrafiltrazione, un'eccezionale qualità allo scarico.

Per i clienti questo significa, oltre ad un funzionamento dell'impianto affidabile e con basse richieste manutentive, soprattutto una riduzione dei costi specifici di investimento, gestione ed energia.

Proprio in occasione di IFAT 2016, HUBER presenta al pubblico nelle sue dimensioni reali il nuovo sistema di filtrazione a membrana VRM®. Con un diametro pari a 4,5 m, una lunghezza totale di 7 m e una superficie della membrana di 9.220 m², esso rappresenta una delle novità di punta di quest'anno dello stand fieristico HUBER.